venerdì 2 ottobre 2009

Solidarietà agli abitanti delle città colpite dall'alluvione nel Messinese

L'incuria dell'uomo, il devastamento del territorio ci fa piangere ancora delle vittime. Esprimo la mia vicinanza ai familiari delle vittime colpite da questa enorme tragedia. Comunque grido vergogna a tutta la classe politica Messinese che ci dirige, una città abbandonata a se stessa. Un disastro annunciato ma non preso, seriamente, in considerazione adesso dopo questa sciagura spero che si prenderanno seri provvedimenti per evitare che fatti del genere non si ripetano mai più, poi mi chiedo: ma perchè bisogna sempre attendere la disgrazia prima di intervenire?

5 commenti:

  1. Tutta la mia solidarietà alle famiglie colpite da questa grave calamità.

    RispondiElimina
  2. Luca...mi unisco anch'io alla solidarità di questa povera gente...un abbraccio forte forte Luca.

    RispondiElimina
  3. bisogna piantarla con i buonismi: il dissesto ambientale non è fatalità ma frutto della speculazione edilizia prodotta dall'avidità umana e dalla mafia siciliana. E di cui sono responsabili anche le popolazioni che ci vivevano.

    E giusto quindi che lo Stato spenda tutte le risorse per i soccorsi ma i soldi della ricostruzione dovrebbero venire solo da quegli enti locali ( comuni e regione) che hanno fatto in modo che avvenisse lo scempio idrogeologico. Altrimenti non ci si responsabilizza e certe tragedie saranno destinate a ripetersi.

    Alluvione in Sicilia: ennesimo disastro annunciato. Per prevenire, stop ai fondi pubblici che finanziano la speculazione edilizia

    RispondiElimina
  4. In Italia ( ma forse anche da altre parti, non voglio essere così pessimista) deve sempre scapparci la disgrazia per prendere provvedimenti seri!!!
    Sono contenta che l'esame istologico sia OK!!
    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  5. E' sempre troppo tardi quando si piange.

    RispondiElimina